23.05.2013 - Valerio Zito

Da copywriter in note agenzie pubblicitarie di Milano e Roma a cantautore.

Dal 2008 Valerio Zito si esibisce perlopiu’ in set solo/acustico all’interno dei circuiti milanesi e romani con un repertorio di brani inediti ben miscelato a rivisitazioni di brani d’autore (da Piero Ciampi a Luigi Tenco, da Battisti a Sergio Endrigo). Una parentesi interessante è quella del CET, la scuola di Mogol. Dopo aver ottenuto una borsa di studio per frequentare un corso da “Autore di testi”, è qui che conosce e stringe un forte legame con il cantautore palermitano Antonio Di martino e il pianista compositore lucano Angelo Trabace ( Dimartino, Arisa ). Nel 2011 si trasferisce proprio a Palermo per lavorare al suo primo disco. Qui entra in contatto quotidiano con la “nuova scuola siciliana”. In effetti a Palermo e dintorni sembra aver preso piede una sorta di movimento musicale nuovo ed originale di cui fanno parte lo stesso Dimartino, il Pan del Diavolo, Nicolo’ Carnesi, i Waines, Cesare Basile, Colapesce, le Iotatola, tanto per citarne alcuni. Ma è soltanto l’anno seguente che iniziano le registrazioni del primo disco/ep ufficiale dal titolo “Nomi, cose, chissà”, che viene presentato presso il Teatro Stabile di Potenza il 26 dicembre del 2012. Da quel momento Valerio viene accompagnato da una band, recenti le aperture dei concerti di Brunori Sas e Bobo Rondelli. Le prime 500 copie di “Nomi, cose, chissà” vengono vendute tramite piattaforme in rete e concerti, in soli due mesi. Attualmente in ristampa, il primo disco/ep di Valerio Zito pare essere una piacevole “sorpresa” all’interno del mondo del cantautorato emergente. Con l’apporto di una band l’assetto live ha inevitabilmente trovato il giusto percorso diventando maggiormente “aggressivo” rispetto alle registrazioni dei brani in studio.

Credits

it-marketing

Walk In Communication

IT Marketing s.r.l - Via Roberto Ruffilli, n. 9 - 82100 Benevento

×

Cerca

×